Subiaco

L'origine di Subiaco può essere - secondo lo storico Gregorio Jannuccelli - ricollegata a tre diverse epoche: la prima ne suppone la edificazione prima dell'età volgare; la seconda al sec. I d.C. e la terza nel sec. VII. Comunque, il primo che portò alla ribalta della storia la Regione Sublacense fu l'imperatore Nerone che, nel sec.I d.C., fece costruire una sontuosa villa, soggiornandovi fino al 60 circa, e tre laghi artificiali (laghetto di S.Benedetto nella foto sottostante) lungo il corso dell'Aniene (i Simbruina Stagna, di cui parla Tacito negli Annales.

Nell'anno 480 giunse a Subiaco il giovane Benedetto da Norcia che - dopo tre anni di meditazione - fondò, lungo la Valle dell'Aniene, tredici monasteri e concepì la "Regula", struttura portante dell'Ordine Benedettino. Costretto, dopo circa un trentennio di apostolato, a lasciare la regione sublacense, si rifugiò a Montecassino ove morì intorno al 547.

Poco dopo al morte del santo la Valle dell'Aniene fu coinvolta, come tante altre zone d'Italia, nella guerra gotico-bizantina, costringendo gli abitanti a rifugiarsi in luoghi meno accessibili, dando vita ai centri di Vallepietra, Trevi e Filettino. Tra il VI e il IX secolo una serie d'incursioni barbariche lasciò tracce riconoscibili nel territorio; in particolare vennero distrutti, da parte dei Saraceni, dodici dei tredici monasteri fondati da S. Benedetto, lasciando soltanto quello di S. Scolastica.

http://www.montisimbruini.com/simbruini.php?panel_left=subiaco&language=it